30 November 2022 15:30:04
open
c/o careof

Careof è uno spazio indipendente, punto di riferimento e luogo di ispirazione e confronto per artisti, giovani e afferma

c/o careof

Giulio Squillacciotti • What Has Left Since We Left

A cura di Marta Cereda

Dal 31.03.2022 al 03.04.20220
9.30 – 12.30

Careof presenta “Les grasses matinées”, un progetto a cura di Marta Cereda sulla funzione dell'ozio, sul valore del tempo e sul diritto alla nullafacenza, sulla connotazione anche positiva dell'“otium” come opportunità creativa e non come disimpegno.

Dal 31 marzo al 3 aprile 2022, dalle 9.30 alle 12.30, quattro giorni di proiezioni dall'Archivio Video di Careof, che conta più di novemila titoli: oltre cinquanta artisti parlano di contemplazione, valorizzazione del tempo, lentezza, inattività, pigrizia. Durante Milano Art Week, un’occasione per avviare le celebrazioni per il trentacinquesimo compleanno di Careof, per mettere in discussione i paradigmi dell’efficienza e dell’operosità, per indugiare nella visione, bevendo un caffè.

“Les grasses matinées” prende titolo dall'espressione francese che indica le giornate in cui si sta a letto fino a tardi e gioca sulla definizione di matinée come spettacolo cinematografico o teatrale in orario diurno. Questo modo di dire viene sottolineato in mostra dall’allestimento ideato da Finemateria, che esaspera il contrasto tra l’apparente rigidità dei volumi e i materiali flessibili e morbidi con cui le sedute sono realizzate.
Completa il progetto un background musicale realizzato da Orchestra Futuro, che sceglie l’amatorialità radicale come un’arma contro l’etica del lavoro, incarnando posizioni situate extra - o post - gli imperativi capitalistici della produzione e della riproduzione.

In mostra: Yuri Ancarani; Ziad Antar; Ruben Aubrecht; Marco Belfiore; Barbara Brugola; Chiara Camoni; Caterina Casciello Del Prete; Paolo Chiasera; Marco Chiodi; Andrea Contin; Heike Döscher; Drifters; Ivana Falconi; Emilio Fantin; Lara Favaretto; Maria Friberg; Chiara Fumai; Meri Gorni; Alice Guareschi; Alberto Guidato; Barbara Gurrieri ed Emanuele Tumminelli; Andrea Jäger; Kristine Kemp; Dionisis Kavallieratos e Sifis Lykakis; Marcello Maloberti; Daniela Manzolli; Eva Marisaldi; Marzia Migliora; Sabrina Muzi; Bruno Muzzolini; Jacopo Natoli; Phill Niblock; Sandrine Nicoletta; Caterina Notte; Giovanni Oberti; Stefano W. Pasquini; Alberta Pellacani; Nira Pereg; Diego Perrone; Oliver Pietsch; Marco Raparelli; Stefano Romano; Antonio Rovaldi; Sissi; Cosimo Terlizzi; Bert Theis; Sophie Usunier; Franco Vaccari; Cesare Viel; Lior Waterman, Amit Levinger e Yarden Gat; Sislej Xhafa; Italo Zuffi.

Book your visit

Biography

Giulio Squillacciotti
Rome, 1982, lives in Milan.

Artist and filmmaker, his work is based on the investigation of possible narratives, the sophistication of real events of a his- torical-anthropological nature, cultural apexes and how traditions take on new forms by changing context. He studied Medieval Art His- tory in Barcelona and Rome, then obtained a Master's degree in Vis- ual Arts at the IUAV University of Architecture in Venice. He was one of the artists of the Dutch Pavilion at the 16. Architecture Biennale in Venice and Fellow Resident at Jan Van Eyck Academie in Maastricht in 2018/2019.

Partners

WHAT HAS LEFT SINCE WE LEFT is made thanks to the support of Italian Council (6th edition, 2019), a programme of the General Directorate for Contemporary Creativity of the Ministry of Culture to promote Italian contemporary art in the world, and with the patronage of Fondazione Cariplo. The film is produced by Careof and Kingswood Films, with the support of Limburg Film Fonds, Brand Cultuur Fonds, Dommering Fonds, Kanunniken Salden. The sculptural works were created on the occasion of Euramis at Spazio Cordis in Verona.
We would like to thank Comune di Milano, Spazio Cordis, Studio Azzurro, Casa Testori, Jessica Bianchera, Alessandro Nassiri Tabibzadeh, Ciro Rebuzzini, Ornaghi e Prestinari.